venerdì 6 marzo 2009

La querelle sulle amalgame dentali

Prima di inserire il “capitolo 2” di ricette voglio riportare, almeno in parte, un interessante intervento che stato inserito da LS:
“…Tutti gli studi della fondazione AMICA riguardo i metalli pesanti … hanno dimostrato come la presenza di metalli odontoiatrici ( amalgame, otturazioni, apparecchi, brackets, retainers ecc... ) portino molto spesso il sistema immunitario ad una sensibilità linfocitaria che si riscontra nel 100% dei casi al Ni che è il più allergenico, ma è anche quello verso cui si ri-acquista più velocemente tolleranza rimuovendo la fonte e praticando una dieta nichel-free, ma anche a Ti, Pd, Au ecc... Hanno studiato moltissimi casi e tutti i casi trattati con rimozione del metallo odontoiatrico nei 6-12 mesi successivi (accompagnati da una dieta Ni-free nel caso del nichel ) hanno riacquistato la piena tolleranza.” Dunque, per persone che non presentano allergia cutanea al Ni, esiste “l'LTT MELISA test che purtroppo si può fare solo mandando i campioni a Brema e costa sui 500 euro. Tale test dagli studi che mi sono letto Io avevo un retainer fisso di Ni-Ti, e la mia allergia al Ni non è dermatologica, non riscontrabile con patch test, ma mi crea una specie di reazione lichenoide/infiammazione alla faringe, ho rimosso il metallo e sto facendo la dieta e sto migliorando”.
Gli faccio i migliori auguri.
Ero già a conoscenza di queste notizie, ma non le ho riportate prima perché sull’argomento è in atto una diatriba senza fine, cominciata nel 1850 e non ancora risolta. Debitamente stimolata dal suo intervento ho deciso comunque di riportare qualche url perché possiate farvi un’idea in merito. e preciso che non è mia intenzione però discutere in questo blog di questo argomento in particolare, poiché la reale o presunta allergenicità o tossicità delle amalgame dentali è un argomento che non interessa soltanto gli allergici al Ni, ma praticamente tutti. Non possiedo la competenza necessaria a discutere di odontoiatria, né mi interessa averla, per cui demando la discussione sull’argomento a siti di odontoiatria e simili.
Sul sito di medicina dica33 trovate la presentazione della querelle e la bibliografia inerente:
http://www.dica33.it/argomenti/odontoiatria/amalgama.asp
http://www.dica33.it/argomenti/odontoiatria/mercurio.asp
Il decreto di Sirchia, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 261 del 09-11-2001
DECRETO 10 ottobre 2001
Divieto di utilizzazione, importazione e immissione in commercio, sul territorio italiano degli amalgami dentali non preparati sotto forma di capsule predosate e precauzioni ed avvertenze da riferire nelle istruzioni per l'uso degli amalgami dentali posti in commercio in Italia.
Il cui testo lo potrete trovare su:
http://gazzette.comune.jesi.an.it/2001/261/11.htm
E ancora, il link per il MELISA test:
http://www.melisa.org/index.php
E link di medicina alternativa:
Associazione Internazionale odontoiatria biologica:
http://www.aiob.it/amalgama_mercurio/danni_amalgama.htm
Fondazione AMICA (Associazione per le Malattie da Intossicazione Cronica e/o Ambientale): http://www.infoamica.it/default.asp
Associazione per pazienti con amalgama:
http://www.arrotino.it/clienti/acerra/info.htm

11 commenti:

sofie ha detto...

A proposito dell'Associazione AMICA io allergica al Nichel o soltanto adesso, dopo due anni dalla scoperta della mia allergia ho scoperto di essere affetta anche da Sensibilità chimica Multipla che mi siè scatenata quasi contempoaraneamente alla allergia. Non so se dipenda dalle amalgama dental, ma effettivamente io ne avevo diverse che ho rimosso, anche se credo di averne ancora.

sara ha detto...

ciao emmanuela,

E' un caso ma dai tempi della mia università che sto male, ovvero quando mi sono fatta le prime otturazioni.Le ho tolte per metà sostituendole con quelle bianche. Sto pensando di toglierle tutte, male non mi fa...

Anonimo ha detto...

Sono il tipo del primo commento. Mi piacerebbe rispondere a Sofie e Sara, dicendo che, la MCS o Sensibilità Chimica Multipla, è un disturbo che spesso si associa a Sindrome fibromialgica, e Sensibilità ai campi elettromagnetici. Mio padre ne soffre, e lo sto portando da un bravo dentista per la rimozione protetta degli amalgami. Numerosi sono gli studi, e molte le discussioni, e se non abbiamo una certezza che la causa unica di queste patologie siano i metalli odontoiatrici, sappiamo per certo che ne possono essere una concausa molto importante. L' omotossicologo Daunderer ha scritto un libro che la fondazione Amica se contattata invia gratuitamente in formato pdf, molto importante al riguardo.
Dai miei studi privati, ho potuto constatare come accanto ad ogni allergia/sensibilità chimica e a metalli pesanti, come al cloruro di mercurio, una delle più pericolose, si affianca sempre e con un altissima reattività, l'allergia al nichel, che non è il metallo pesante più pericoloso, ma senza dubbio il più allergenico. Il boom delle allergie al nichel, a mio avviso ha come trigger proprio il rilascio costante nell' organismo di questo metallo contenuto negli amalgami e negli impianti dentari, che anche se in differenti percentuali contengono sempre nichel. In più dato che le donne fanno largo uso di prodotti di cosmesi nichel addicted, ci ritroviamo con quasi 10.000.000 di italiani allergici al nichel dermatologicamente, e non voglio sapere quanti altri, che soffrono di disturbi gastrointestinali, o infiammazioni lichenoidi orali, possano imputare tali disturbi a questa iper-reattività.
Unica nota positiva è che una volta eliminato il contatto con l'allergene, quindi eliminate le tossine dentali, il contatto con cosmetici nichel addicted, e cotrollando una dieta nichel-free per alcun mesi a seconda dell' entità della reattività, l' allergia, essendo di tipo linfocitaria, e non di tipo I, rientra nei range di tollerabilità e scompare piano piano...
Un consiglio quindi per gli allergici al nichel, prima di attuare la dieta o l' eliminazione dei cosmetici, è di rimuovere i metalli dentali, altrimenti l' allergia così facendo diminuirà, ma la soglia di tolleranza non si abbasserà mai...

Flaminia ha detto...

Ciao, bellissimo sito e soprattutto rassicurante per chi come me è allergico da sempre e pensava di rappresentare una minoranza incompresa!So che non c'entra niente con l'argomento del post, ma mi chiedevo se potessi suggerirmi (se esiste) un testo per una dieta nichel-free, che sia un pò più preciso della solita lista degli alimenti da evitare.
E poi un'ultima domanda : nella lista è presente la voce "farina 00" : questo significa che devo evitare TUTTO ciò che è fatto con la farina (quindi anche pasta oltre che il pane) in maniera drastica o ci sono delle tolleranze?
Scusa per il post chilometrico ;)
Spero di avere presto una tua risposta!

Daphne ha detto...

una domanda..ma posso fare dolci o pane con la pasta madre piuttosto che altri tipi di lievito o nessuno? è permesso questo? :/ sto nickel mi sta facendo impazzire

Anonimo ha detto...

Da qualche tempo ho scoperto di essere allergica al nichel....ma anche intollerante al lattosio...Leggendo il tuo Blog sono ancora più confusa perchè la mia dietista non mi ha assolutamente tolto tutti quegli alimenti che hai elencato....lei sostiene che il nichel è presente nel: Cacao, liquirizia, margarina, arachidi, lenticchie, nocciole, fagioli, thè, cavoli, ostriche, asparagi, granturco, lattuga romana, piselli, spinaci, farina integrale, pera, uva, pomodori, carote, broccoli, uova, funghi, vino, lievito ma solo in polvere (ad esempio sostiene che il lievito secco mastrangelo è libero dal nichel), cipolle e aringhe, inoltre, non si possono mangiare prodotti cotti alla brace perchè la combustione libera il NI e anche l'acciao inox 18-10.Tutto il resto lo posso mangiare.....

frida ha detto...

ho scoperto da poco che la mia allergia alimentare e la dermatite sono dovute dall'amalgama dentale, in realta'io sono allergica al nichel e al mercurio presenti in essa che con il passare degli anni mi hanno "intossicato". L'ho scoperto andando da un terapista ortomolecolare che diagnostica usando la biorisonanza.

iolanda ha detto...

Ciao! a settembre ho avuto una brutta orticaria e mi sono recata da un allergologo per sondare un po' il terreno. mi ha detto che al 90% sono allergica al nichel e mi aveva anche prescritto gli esami da fare ma che per mancanza di tempo e x la lontananza da casa non ho mai fatto. Recentemente mi si è gonfiato il collo e mi sono recata da un medico generico che mi ha detto che il mio era un problema di tonsille. Ho preso una bentelan lì per lì e poi tutti gli antibiotici e per cautelarmi ho eliminato i cibi contenenti nichel, ma ieri ho bevuto un paio di caffè e il gonfiore che sembrava sparito s'è fatto di nuovo presente anche se meno evidente..è possibile che sia l'allergia che si manifesta sotto altra forma? anche io ho un'otturazione ai denti.

Chiedo scusa per la prolissità ma non ho modo di parlare con l'allergologo e non ho trovato dal medico di base delle risposte soddisfacenti..

tilli ha detto...

Ho scoperto da poco di essere allergica al nichel...quanti fastidi, praticamente ho eliminato tutto quello che mi da fastidio! Ma devo consultare comunque una dietologa nutrizionista... il tuo blog è molto utile, ma perchè lo hai abbandonato?

Anonimo ha detto...

ciao a tutti,io ho scoperto di essere allergica al nichel un mese fa..cn 4+,la mia più che altro è solo cuttanea..le creme sbagliate prescritte dalla dermatologa mi hanno fatto venire un acne veramente pesante..ogni tanto ho anche qualche fastidio allo stomaco..ho iniziato ad eliminare gli alimenti cn maggiore concentrazione di nichel ma come se non bastasse ho scoperto di essere intollerante anche al lattosio e farina bianca..ora sn davvero in panico per ciò che potrei mangiare,Mangio i biscotti della vitasnella quelli di riso senza latte e uova,perche se no non saprei davvero cosa mangiare al mattino,ma ho un dubbio..si può bere i succhi di frutta?
grazie

Anonimo ha detto...

ma non dir cazzate frida!